Chi siamo

La partecipazione svizzera alle Olimpiadi internazionali della chimica è organizzata dall'Associazione svizzera delle Olimpiadi della chimica (SwissChO). Questa associazione conta circa 20 membri attivi, tutti entusiasti della chimica, la maggior parte dei quali erano ex partecipanti  e sono ora studenti universitari, chimici impiegati o insegnanti di chimica attivi a livello di scuola superiore o in pensione.

 

Lavorano tutti su base completamente volontaria. La nostra associazione non è responsabile solo della selezione annuale del team svizzero, ma anche dello scambio e del dialogo, dell'amicizia e della condivisione del nostro entusiasmo per la chimica con le nuove generazioni.

Attraverso l'associazione Olimpiadi della scienza viene promosso lo scambio interdisciplinare tra le diverse Olimpiadi nazionali.

Storia

Le prime Olimpiadi Internazionale della Chimica (IChO) si è tenuta nel 1968 a Praga, Repubblica Ceca. I partecipanti erano studenti delle scuole superiori di tre paesi, ex Cecoslovacchia, Ungheria e Polonia. Dopo il suo successo, il numero di paesi partecipanti è aumentato costantemente nel corso degli anni. La prima volta che la Svizzera partecipò al concorso fu nel 1987, ospitato da Veszprém, Ungheria. La squadra svizzera era composta da quattro studenti di un liceo di Losanna, sotto la supervisione di Maurice Cosandey. Non sapendo cosa aspettarsi e per cosa prepararsi, si classificarono al 98°, 99°, 101°, 101° e 102° posto - su 102 partecipanti.
 

 

Negli anni successivi è stata organizzata una formazione speciale per gli studenti interessati e i risultati sono migliorati di conseguenza. La prima medaglia di bronzo è stata vinta a Parigi,  Francia, nel 1990, seguita rapidamente da una medaglia d'argento a Łódź, in Polonia, nel 1991. Da allora, la Svizzera ha ottenuto in media una medaglia all'anno. Finora sono state vinte solo due medaglie d'oro - una a Pittsburgh, USA, nel 1992 e un'altra a Mosca, Russia, nel 1996. Oggi l'IChO conta circa 80 paesi regolarmente partecipanti e continua a crescere.

FACCE DELLE OLIMPIADI